Janssen Oncology
Roche Ematologia
Linfoma mantellare
ELN 2018

Trombosi venosa profonda nei pazienti ospedalizzati con COVID-19 a Wuhan, Cina: prevalenza, fattori di rischio ed esiti


Per indagare sulla trombosi venosa profonda ( DVT ) nei pazienti ospedalizzati con malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ), è stato eseguito uno studio per valutarne la prevalenza, i fattori di rischio, la prognosi e le potenziali strategie di tromboprofilassi in un grande Centro di riferimento e di trattamento.

Sono stati studiati in totale 143 pazienti affetti da COVID-19 dal 29 gennaio 2020 al 29 febbraio 2020.
Sono stati ottenuti dati demografici e clinici, dati di laboratorio, comprese le scansioni ecografiche degli arti inferiori e variabili di esito e sono stati effettuati confronti tra i gruppi con e senza trombosi venosa profonda.

Dei 143 pazienti ospedalizzati con COVID-19 ( età media 63 anni, 74 uomini, 51.7% ), 66 hanno sviluppato trombosi venosa profonda degli arti inferiori ( 46.1%: 23, 34.8%, con trombosi venosa profonda prossimale e 43, 65.2%, distale ).

Rispetto ai pazienti che non presentavno trombosi venosa profonda, i pazienti con trombosi DVT erano più anziani e avevano un indice di ossigenazione inferiore, un più alto tasso di danno cardiaco e una prognosi peggiore, inclusa una percentuale maggiore di decessi ( 23, 34.8%, vs 9, 11.7%; P=0.001 ) e una percentuale ridotta di pazienti dimessi ( 32, 48.5%, vs 60, 77.9%; P minore di 0.001 ).

L'analisi multivariante ha mostrato una associazione solo tra punteggio CURB-65 ( stato confusionale, urea, frequenza respiratoria e pressione sanguigna ) da 3 a 5 ( odds ratio, OR=6.122; P=0.031 ), punteggio di previsione di Padova maggiore o uguale a 4 ( OR=4.016; P=0.04 ), D-dimero superiore a 1.0 mcg/ml ( OR=5.818; P minore di 0.014 ) e trombosi venosa profonda in questa coorte, rispettivamente.

La combinazione di un punteggio CURB-65 da 3 a 5, un punteggio di previsione di Padova maggiore o uguale a 4 e D-dimero superiore a 1.0 mcg/ml ha una sensibilità dell'88.52% e una specificità del 61.43% per lo screening per trombosi venosa profonda.

Nel sottogruppo di pazienti con un punteggio di previsione di Padova maggiore o uguale a 4 e le cui ecografie sono state eseguite più di 72 ore dopo il ricovero, la trombosi venosa profonda era presente in 18 pazienti ( 34.0% ) nel sottogruppo che riceveva la profilassi del tromboembolismo venoso rispetto a 35 pazienti ( 66.0% ) nel gruppo senza profilassi ( P=0.010 ).

La prevalenza di trombosi venosa profonda è elevata ed è associata a esiti avversi nei pazienti ospedalizzati con COVID-19.
La profilassi per il tromboembolismo venoso può essere protettiva nei pazienti con un punteggio di previsione di Padova maggiore o uguale a 4 dopo il ricovero.
I dati sembrano suggerire che COVID-19 è probabilmente un ulteriore fattore di rischio per trombosi venosa profonda nei pazienti ospedalizzati. ( Xagena2020 )

Zhang L et al, Circulation 2020; 142: 114-128

Emo2020 Inf2020



Indietro