Ematologia Amgen
Janssen Oncology
Celgene Ematologia
GSK Ematologia

Tromboembolismo venoso associato al cancro


Il tromboembolismo venoso ( TEV ) associato al cancro è una condizione comune e pericolosa per la vita nei pazienti adulti con tumore.
I pazienti con cancro hanno da quattro a sette volte più probabilità di sviluppare tromboembolismo venoso rispetto ai pazienti non-oncologici.

I fattori responsabili dell'aumento dell'incidenza di tromboembolismo venoso associata al cancro includono fondamentalmente il tipo di cancro e il trattamento associato al cancro.

I dati statistici hanno mostrato che il tromboembolismo venoso è stato osservato nell'8.4% di quasi 6 milioni di ricoveri che hanno riguardato 3.146.388 singoli pazienti con cancro negli Stati Uniti in un periodo di quasi due decenni.
L'incidenza del tromboembolismo venoso associato al cancro è in continuo aumento in tutto il mondo.

Il tromboembolismo venoso associato al cancro è un'importante causa di morbilità per i pazienti oncologici.
L'embolia polmonare è una delle complicanze che può portare al ricovero in Unità di terapia intensiva ( UTI ) per i pazienti affetti da cancro.
Il tromboembolismo venoso è la seconda causa di mortalità tra i pazienti con cancro dopo la progressione della malattia.
Un'indagine su larga scalanegli Stati Uniti ha rivelato che la mortalità intraospedaliera è stata osservata nel 5.5% dei pazienti oncologici senza diagnosi di tromboembolismo venoso, mentre nel 15.0% di quelli con tromboembolismo venoso, incluso il 19.4% con embolia polmonare.

Per il tromboembolismo venoso associato al cancro accertato, le classificazioni dei trattamenti attualmente comprendono il trattamento iniziale, il trattamento a lungo termine, il trattamento entro 6 mesi, il trattamento oltre i 6 mesi, il trattamento del tromboembolismo venoso correlato al catetere, il trattamento del tromboembolismo venoso ricorrente e il trattamento in situazioni speciali.

Gli attuali agenti terapeutici per il tromboembolismo venoso associato al cancro comprendono principalmente Eparina a basso peso molecolare ( EBPM ), anticoagulanti orali diretti ( DOAC ), Eparina non-frazionata ( UFH ), Fondaparinux [ Arixtra ], antagonisti della vitamina K ( VKA ) e filtro della vena cava inferiore ( IVCF ).

Tuttavia, il trattamento del tromboembolismo venoso conclamato nei pazienti oncologici è complicato. I pazienti con cancro possono incontrare tassi più elevati di recidiva di tromboembolismo venoso e complicanze emorragiche rispetto ai pazienti senza cancro.
Il trattamento completo del tromboembolismo venoso associato al cancro dovrebbe essere focalizzato sull'identificazione dei pazienti che beneficeranno maggiormente del trattamento per ridurne le recidive e la mortalità.
La decisione della terapia antitrombotica, la selezione degli anticoagulanti, la durata dell'anticoagulazione, la decisione della terapia adiuvante e l'aggiustamento del regime in situazioni speciali costituiscono i maggiori problemi nel trattamento del tromboembolismo venoso associato al cancro. ( Xagena2021 )

Xiong, W, Thrombosis J 2021; 19, 21

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro