ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Studio PROLONG II: test per il D-dimero ripetuto dopo interruzione del trattamento anticoagulante per un primo episodio di tromboembolismo venoso non-provocato


Lo studio randomizzato PROLONG ha dimostrato che un D-dimero normale, un mese dopo la sospensione della terapia anticoagulante per tromboembolismo venoso non-provocato, è associato a un basso rischio di recidiva tardiva ( 4.4% pazienti/anno ).
Tuttavia, non è noto se il D-dimero cambi successivamente.

L'obiettivo dello studio multicentrico prospettico PROLONG II è stato quello di valutare il D-dimero nel corso del tempo e la sua relazione con le recidive tardive nei pazienti con D-dimero normale un mese dopo la sospensione della terapia anticoagulante per un primo episodio di tromboembolismo venoso non-provocato.

Il D-dimero è stato misurato con un metodo qualitativo ( Clearview Simplify D-dimer; Inverness Medical Professional Diagnostics ).
I pazienti con un normale D-dimero un mese dopo la sospensione dell’anticoagulante hanno ripetuto il test D-dimero ogni 2 mesi per 1 anno.

Il D-dimero è risultato normale nel 68% dei pazienti ( 243 su 355 ) un mese dopo la sospensione della terapia anticoagulante.

I pazienti, in cui il D-dimero è diventato anormale al terzo mese ed è rimasto anormale, hanno poi mostrato un più alto rischio di recidiva ( 7 su 31; 27% pazienti/anno ) rispetto ai pazienti nei quali il D-dimero è rimasto normale nel terzo mese e successivamente ( 4 su 149; 2.9% pazienti/anno; p=0.002 ).

Ripetuti test per il D-dimero dopo sospensione della terapia anticoagulante per un primo episodio di tromboembolismo venoso non-provocato potrebbero aiutare ad adattare la durata del trattamento. ( Xagena2010 )

Cosmi B et al, Blood 2010; 115: 481-488


Emo2010



Indietro