Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti Linfoma mantellare

Sopravvivenza dopo trombosi venosa correlata al cancro: Scandinavian Thrombosis and Cancer Study


I pazienti con tumore hanno un rischio maggiore di sviluppare tromboembolia venosa ( VTE ) e questa combinazione risulta in una sopravvivenza inferiore rispetto al cancro da solo.
È stato esaminato l’impatto del tromboembolia venosa sulla sopravvivenza dei pazienti affetti da tumore in una popolazione generale.

È stata utilizzata la coorte Scandinavian Thrombosis and Cancer ( STAC ), una coorte basata sulla popolazione che comprendeva 144.952 partecipanti senza precedente tromboembolia venosa o tumore.

Durante il follow-up è stata registrata l'incidenza di cancro e tromboembolia venosa.
La tromboembolia venosa correlata al tumore è stata definita come tromboembolia venosa diagnosticata nei pazienti con cancro palese o occulto.

La sopravvivenza dei partecipanti senza cancro e/o tromboembolia venosa ( liberi da malattia ) è stata confrontata con la sopravvivenza dei partecipanti con tumore e tromboembolia venosa correlata al tumore.

Sono stati eseguiti modelli di regressione di Cox con cancro e tromboembolia venosa come esposizioni variabili nel tempo per calcolare gli hazard ratio ( HR ) per la morte.
Sono state eseguite sottoanalisi per tipi e stadi di tumore e per tipo di tromboembolia venosa ( trombosi venosa profonda o embolia polmonare ).

Durante il follow-up ( in media, 11.7 anni ), 14.621 partecipanti hanno sviluppato il cancro e 2.444 hanno sviluppato tromboembolia venosa, di cui 1.241 casi correlati al tumore.
I tassi di mortalità per 100 anni-persona per i partecipanti liberi da malattia, solo per tromboembolia venosa, solo per cancro e tromboembolia venosa correlata al tumore sono stati rispettivamente 0.63, 5.0, 9.2 e 45.3.

Rispetto ai pazienti affetti solo da cancro, il rischio di morte per i pazienti con tromboembolia venosa correlata al tumore è risultata aumentata di 3.4 volte.
In tutti i tipi di cancro, l’insorgenza di tromboembolia venosa ha aumentato il rischio di mortalità da 2.8 a 14.7 volte.

In una popolazione generale, i pazienti oncologici con tromboembolia venosa hanno mostrato un rischio di mortalità 3.4 volte più elevato rispetto ai pazienti con cancro senza tromboembolia venosa, indipendentemente dal tipo di tumore. ( Xagena2023 )

Crobach MJT et al, Blood Adv 2023; 7: 4072-4079

Emo2023 Onco2023



Indietro