Janssen Oncology
Celgene Ematologia
GSK Ematologia
Ematologia Amgen

Eventi avversi associati all'aggiunta di Aspirina alla terapia anticoagulante orale diretta senza una chiara indicazione


Non è chiaro quanti pazienti trattati con un anticoagulante orale diretto ( DOAC ) utilizzino in concomitanza Acido Acetilsalicilico ( ASA; Aspirina ) e come questo influenzi gli esiti clinici.

Sono stati valutati la frequenza e gli esiti della prescrizione di terapia concomitante con Aspirina e anticoagulanti orali diretti per i pazienti con fibrillazione atriale o malattia tromboembolica venosa.

Uno studio di coorte basato su Registro è stato condotto presso 4 cliniche nel Michigan ( USA ) dal 2015 al 2019.
I partecipanti eleggibili erano adulti sottoposti a trattamento con un anticoagulante orale diretto per fibrillazione atriale o tromboembolismo venoso, senza un recente infarto miocardico o storia di sostituzione della valvola cardiaca, con almeno 3 mesi di follow-up.

I pazienti erano stati esposti all’uso di Aspirina in concomitanza con la terapia con anticoagulanti orali diretti.

Gli esiti principali erano tassi di sanguinamento ( qualsiasi, non-maggiore, maggiore ), tassi di trombosi ( ictus, tromboembolismo venoso, infarto miocardico ), visite al Pronto soccorso, ricoveri e morte.

Della coorte dello studio di 3.280 pazienti ( 1.673 uomini, 51.0%; età media 68.2 anni ), 1.107 pazienti ( 33.8% ) senza una chiara indicazione per Aspirina erano in trattamento con anticorpi orali diretti e Aspirina.
Sono state analizzate due coorti abbinate per punteggio di propensione, ciascuna con 1.047 pazienti ( solo anticoagulanti DOAC più Aspirina e anticoagulanti DOAC ).
I pazienti sono stati seguiti per una media di 20.9 mesi.

I pazienti che assumevano anticoagulanti DOAC e Aspirina hanno manifestato più eventi di sanguinamento rispetto alla monoterapia con anticoagulanti DOAC ( 26.0 sanguinamenti vs 31.6 sanguinamenti per 100 anni-paziente, P=0.01 ).
In particolare, i pazienti sottoposti a terapia di combinazione hanno avuto tassi significativamente più alti di sanguinamenti non-maggiori ( 26.1 sanguinamenti vs 21.7 sanguinamenti per 100 anni-paziente, P=0.02 ) rispetto alla monoterapia con anticoagulanti DOAC.

I tassi di sanguinamento maggiore sono stati simili tra le due coorti.
Anche i tassi di eventi trombotici sono stati simili tra le coorti ( 2.5 eventi vs 2.3 eventi per 100 anni-paziente per i pazienti trattati con anticoagulanti DOAC e Aspirina rispetto a anticoagulanti DOAC in monoterapia, P=0.80 ). I pazienti sono stati più spesso ricoverati durante la terapia di combinazione ( 9.1 vs 6.5 ricoveri per 100 anni-paziente, P=0.02 ).

Quasi un terzo dei pazienti con fibrillazione atriale e/o tromboembolismo venoso trattati con anticoagulanti DOAC hanno ricevuto Aspirina senza una chiara indicazione.
Rispetto alla monoterapia con anticoagulanti DOAC, l'uso concomitante di anticoagulanti orali diretti e Aspirina è stato associato a un aumento del sanguinamento e dei ricoveri, ma a un tasso di trombosi osservato simile.
La ricerca futura dovrebbe identificare e smettere di prescrivere Aspirina ai pazienti quando il rischio supera il beneficio previsto. ( Xagena2021 )

Schaefer JK et al, JAMA Intern Med 2021; 181: 817-824

Emo2021 Cardio2021 Farma2021


Indietro