ELN 2018
Janssen Oncology
Roche Ematologia
Ematobase.it

Endoteliopatia nella coagulopatia associata a COVID-19


Una caratteristica importante della patogenesi del virus SARS-CoV-2 è la coagulopatia associata a COVID-19, caratterizzata da un aumento delle complicanze trombotiche e microvascolari.
Precedenti studi avevano suggerito un ruolo del danno delle cellule endoteliali nella coagulopatia associata a COVID-19.

Per determinare se l'endoteliopatia sia coinvolta nella patogenesi della coagulopatia associata a COVID-19 sono stati valutati i marcatori dell'attivazione delle cellule endoteliali e delle piastrine nei pazienti critici e non-critici ricoverati in ospedale con COVID-19.

In uno studio trasversale monocentrico, pazienti adulti ospedalizzati di età a partire da 18 anni con COVID-19, confermato in laboratorio, sono stati identificati in una Unità di terapia intensiva ( UTI ) o in un reparto COVID-19 specializzato non-UTI.
Sono stati reclutati controlli asintomatici non-ospedalizzati come gruppo di confronto per biomarcatori che non avevano un intervallo di riferimento.

Sono stati valutati i marcatori dell'attivazione delle cellule endoteliali e delle piastrine, tra cui l'antigene del fattore di von Willebrand ( VWF ), la trombomodulina solubile, la P-selectina solubile e il ligando CD40 solubile, nonché i fattori della coagulazione, gli anticoagulanti endogeni e gli enzimi fibrinolitici.

È stato confrontato il livello di ciascun marcatore nei pazienti in terapia intensiva, pazienti non-in-terapia intensiva e controlli, ove applicabile.
Sono state valutate le correlazioni tra questi esiti di laboratorio e gli esiti clinici, comprese le dimissioni ospedaliere e la mortalità.

Dal 13 aprile al 24 aprile 2020 sono stati inclusi nello studio 68 pazienti con COVID-19, tra cui 48 pazienti in terapia intensiva e 20 pazienti non-in-terapia intensiva, nonché 13 controlli asintomatici non-ospedalizzati.

I marcatori dell'attivazione delle cellule endoteliali e delle piastrine erano significativamente elevati nei pazienti in terapia intensiva rispetto ai pazienti non-in-terapia intensiva, incluso l'antigene VWF ( media 565% nei pazienti in terapia intensiva versus 278% nei pazienti non-in-terapia intensiva; P minore di 0.0001 ) e P-selectina solubile ( 15.9 ng/ml vs 11.2 ng/ml; P=0.0014 ).

Anche le concentrazioni di antigene VWF erano elevate al di sopra del range normale in 16 dei 20 pazienti non-in-terapia intensiva ( 80% ).

Si è riscontrato che la mortalità era significativamente correlata con l'antigene VWF ( r=0.38; P=0.0022 ) e la trombomodulina solubile ( r=0.38; P=0.0078 ) tra tutti i pazienti.

In tutti i pazienti, concentrazioni di trombomodulina solubile superiori a 3.26 ng/ml sono state associate a minori tassi di dimissione ospedaliera ( 22 su 25 pazienti, 88%, con basse concentrazioni vs 13 su 25 pazienti, 52%, con alte concentrazioni; P=0.0050 ) e minore probabilità di sopravvivenza all'analisi di Kaplan–Meier ( hazard ratio, HR 5.9, P=0.0087 ).

Dallo studio è emerso che l'endoteliopatia è presente in COVID-19 ed è probabile che sia associata a malattia critica e mortalità.
L'identificazione precoce dell'endoteliopatia e le strategie per mitigarne la progressione potrebbero migliorare gli esiti di COVID-19. ( Xagena2020 )

Goshua G et al, Lancet Haematology 2020; 7: 575-582

Emo2020 Inf2020



Indietro