ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Associazione di anticoagulanti orali e co-terapia a base di inibitori della pompa protonica con ricovero per sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore


La co-terapia con anticoagulante e inibitore della pompa protonica ( PPI ) potrebbe influire sul rischio di sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore, una complicanza frequente e potenzialmente grave del trattamento anticoagulante orale.

È stata confrontata l'incidenza di ospedalizzazione per emorragia del tratto gastrointestinale superiore nei pazienti che utilizzano singoli anticoagulanti con e senza inibitori della pompa protonica in co-terapia e sono state determinate le variazioni in base al rischio di sanguinamento gastrointestinale di fondo in uno studio di coorte retrospettivo in beneficiari di Medicare tra il 2011 e il 2015.

I pazienti sono stati esposti ad Apixaban [ Eliquis ], Dabigatran [ Pradaxa ], Rivaroxaban [ Xarelto ] o Warfarin [ Coumadin ] con o senza coterapia con inibitori della pompa protonica.

Gli esiti principali erano i ricoveri per emorragia del tratto gastrointestinale superiore: incidenza e differenza di rischio ( RD ) corretta per 10.000 anni-persona di trattamento anticoagulante e tassi di incidenza ( IRR ).

Ci sono stati 1.643.123 pazienti con 1.713.183 nuovi episodi di trattamento anticoagulante orale inclusi nella coorte ( età media, 76.4 anni, 651.427 anni-persona di follow-up, 56.1%, erano per le donne, e l'indicazione era la fibrillazione atriale per 870.330 anni-persona, 74.9% ).

Durante 754.389 anni-persona di trattamento senza co-terapia con inibitori della pompa protonica, l'incidenza aggiustata di ospedalizzazione per emorragia del tratto gastrointestinale superiore ( n=7.119 ) è stata di 115 per 10.000 anni-persona.

L'incidenza per Rivaroxaban ( n=1.278 ) è stata di 144 su 10.000 anni-persona, che era significativamente maggiore dell'incidenza di ospedalizzazioni per Apixaban ( n=279; 73 per 10.000 anni-persona; IRR, 1.97; RD, 70.9 ), Dabigatran ( n=629; 120 per 10.000 anni-persona; IRR, 1.19; RD, 23.4 ) e Warfarin ( n=4.933; 113 per 10.000 anni-persona; IRR, 1.27; RD, 30.4 ).

L'incidenza di Apixaban è stata significativamente inferiore a quella di Dabigatran ( IRR, 0.61, RD, -47.5 ) e Warfarin ( IRR, 0.64; RD, -40.5 ).

Quando il trattamento anticoagulante con inibitori della pompa protonica in co-terapia ( 264.447 anni-persona, 76 per 10.000 anni-persona ) è stato confrontato con il trattamento senza inibitori della pompa protonica in co-terapia, il rischio di ospedalizzazioni per emorragie del tratto gastrointestinale superiore ( n=2.245 ) è stato più basso complessivamente ( IRR, 0.66 ) e per Apixaban ( IRR, 0.66; RD, -24 ), Dabigatran ( IRR, 0.49; RD, -61.1 ), Rivaroxaban ( IRR, 0.75; RD, -35.5 ) e Warfarin ( IRR, 0.65; RD, -39.3 ).

Tra i pazienti che hanno iniziato il trattamento anticoagulante orale, l'incidenza di ospedalizzazione per sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore è stata più alta nei pazienti con Rivaroxaban prescritto e più bassa nei pazienti con Apixaban prescritto.

Per ciascun anticoagulante, l'incidenza di ospedalizzazione per il sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore è risultata inferiore nei pazienti che stavano ricevendo la co-terapia con inibitori della pompa protonica.
Questi risultati possono informare la valutazione dei rischi e dei benefici nella scelta degli agenti anticoagulanti. ( Xagena2018 )

Ray WA et al, JAMA 2018; 320: 2221-2230

Gastro2018 Cardio2018 Farma2018


Indietro