ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Apixaban è più efficace e sicuro di Rivaroxaban per la prevenzione del tromboembolismo venoso ricorrente e degli eventi avversi di sanguinamento nei pazienti con tromboembolia venosa


Apixaban ( Eliquis ) e Rivaroxaban ( Xarelto ), entrambi anticoagulanti orali ad azione diretta, vengono sempre più utilizzati nella pratica clinica di routine per via del loro dosaggio fisso e dei profili farmacologici favorevoli.
Le differenze nel rischio di tromboembolia venosa ricorrente e di eventi emorragici maggiori tra i due farmaci sono attualmente sconosciute.

Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza di Apixaban e Rivaroxaban nella prevenzione del tromboembolismo venoso ricorrente e degli eventi emorragici maggiori nei pazienti con tromboembolia venosa.

È stata effettuata una analisi di coorte retrospettiva dei dati dal database Truven Health MarketScan e Medicare Supplement negli Stati Uniti.
Sono stati analizzati i dati relativi a pazienti adulti con tromboembolia venosa di nuova diagnosi ( trombosi venosa profonda o embolia polmonare ) che erano nuovi utilizzatori di Apixaban o Rivaroxaban tra il 2014 e il 2016.

Sono stati esclusi i pazienti che non hanno iniziato ad assumere i farmaci di studio entro 30 giorni dalla diagnosi, quelli senza 12 mesi di arruolamento continuo nei benefici medici e farmaceutici e quelli che hanno usato altri anticoagulanti durante il periodo di riferimento.

L'esito primario di efficacia era l'incidenza di tromboembolia venosa ricorrente e l'esito primario di sicurezza era l'incidenza di eventi emorragici maggiori.

Dopo abbinamento per punteggio di propensione, 15.254 pazienti sono stati inclusi nella coorte ( 3.091 utilizzatori di Apixaban e 12.163 utilizzatori di Rivaroxaban ).

L'incidenza grezza del tromboembolismo venoso ricorrente è stata di 3 per 100 anni-persona nel gruppo Apixaban e di 7 per 100 anni-persona nel gruppo Rivaroxaban.

L'incidenza di sanguinamento maggiore è stata pari a 3 per 100 anni-persona nel gruppo Apixaban e 6 per 100 anni-persona nel gruppo Rivaroxaban.

L'uso di Apixaban, rispetto a Rivaroxaban, è stato associato a un ridotto rischio di tromboembolia venosa ricorrente ( HR=0.37; P minore di 0.0001 ) ed eventi emorragici maggiori ( HR=0.54; P=0.0031 ).

Apixaban sembra essere più efficace di Rivaroxaban nel prevenire lo sviluppo di tromboembolia venosa ricorrente ed eventi emorragici maggiori.
I dati potrebbero fornire una certa garanzia sul fatto che Apixaban possa essere una opzione terapeutica efficace e sicura per il trattamento dei pazienti con tromboembolia venosa. ( Xagena2019 )

Dawwas GK et al, Lancet Haematology 2019; 6: 20-28

Emo2019 Cardio2019 Farma2019


Indietro